10a di campionato: Calvina-Alfonsine 3-1

Al quinto tentativo e sotto una pioggia battente, la Calvina riesce a sfatare il tabù del fattore campo e grazie ad una prova di maturità riesce a fare suoi i primi 3 punti domestici della sua stagione. Come nelle precedenti due vittorie in campionato, vale la regola del 3: dopo Savignanese (3-1) e Breno (3-2) anche l’Alfonsine paga dazio, arrendendosi per 3-1 dopo un match controllato dall’inizio alla fine dai biancoazzurri bresciani, bravi e finalmente fortunati nel portare a casa un successo fondamentale in chiave salvezza.

I romagnoli sono guidati da un classe ’91 in panchina e schierano un ’74 al centro del proprio attacco. L’età non conta, perché uno è il principale artefice dell’ultima promozione della squadra ravennate, l’altro un centravanti dal pedigree importante che solo due settimane fa aveva condannato il Ciliverghe alla sconfitta. Tutt’intorno una squadra quadrata, schierata secondo un ordinato 4-4-2 che mira a colpire in ripartenza più che a dominare il gioco. Il possesso del campo è appannaggio della Calvina, che nei primi 20′ di gara fa capire le proprie intenzioni. Recino dà il primo squillo in area ospite dopo 10′, ma sono tutti gli undici locali a provare ad indirizzare il match. Eppure la prima grande occasione è ospite: al 23′ Saporetti stacca di testa e colpisce il palo, con Sellitto che probabilmente devia con gli ultimi millimetri di guanto una traiettoria velenosa.

I romagnoli riescono a farsi vedere in avanti solo da calcio piazzato, mentre i bresciani tessono diverse trame di gioco pericolose. Al 34′ l’arbitro annulla per fuorigioco un gol di Delcarro, ma 2′ più tardi arriva il vantaggio calvisanese grazie ad un’azione coast to coast esaltante: Sellitto fa ripartire velocemente il gioco dopo un tentativo di offesa dell’Alfonsine, azionando Baronio, che mette il turbo correndo sulla corsia di sinistra; davanti a lui Bittaye gli concede l’appoggio, i due dialogano fino a liberare spazio per un cross del bresciano che trova Crema in inserimento a scaraventare il pallone dell’1-0 in rete. Applausi a scena aperta. Al 41′ Recino sfiora il raddoppio con un sinistro di poco oltre l’incrocio, ma il primo tempo si chiude con il vantaggio minimo casalingo.

La ripresa si apre con un’occasione importante mancata da Recino, ma il leit motiv della partita non cambia, tanto che al 10′ Delcarro trova il punto del 2-0, intuendo un retropassaggio al portiere avversario che si pianta in mezzo ad una pozzanghera e si accomoda per il numero 8, freddo a battere Carroli. Al 25′ la Calvina triplica: fallo di mano in area di Succi su cross di Meduri, Recino torna calcia forte e centrale dal dischetto e torna alla rete. Sembra fatta, ma 3′ più tardi uno dei nuovi entrati romagnoli, Tovalieri, accorcia le distanze con un bell’inserimento in area: traversa-gol e 3-1.

Al 30′ Recino può nuovamente chiuderla ma si fa ipnotizzare dal numero 1 avversario nell’uno contro uno; sul ribaltamento Gavoci sfiora il 3-2 con un tiro dal limite, uscito di nulla. Le sostituzioni dei due allenatori cambiano volto alla partita e l’Alfonsine trova una grande chance per riaprire definitivamente i giochi, al 30′, ma sul tiro a botta sicura di Saporetti si materializza un gigantesco Sellitto, che tira giù la claire e blinda la porta di casa. Al 42′ l’ultimo brivido, il secondo palo ospite di giornata, sempre di testa, ad opera stavolta di capitan Bertoni. Gli ultimi minuti non portano preoccupazioni alla Calvina, al contrario è Maffioletti che sciupa tra 48′ e 49′ due occasioni cristalline che avrebbero reso più rotondo il parziale. Poco male, sono i 3 punti che contano e la Calvina esce meritatamente tra gli applausi del suo pubblico. Con questa vittoria la squadra sale a quota 9, a -1 da Savignanese ed Alfonsine, a +3 sulla zona rossa della retrocessione diretta e a -2 dal Ciliverghe, che occupa attualmente il primo posto utile alla salvezza diretta.

Mister Florindo riassume così i temi principali della giornata: «La cosa principale da sottolineare è la crescita generale della squadra, dal portiere al giocatore che va in tribuna dopo una settimana di lavoro fatto al massimo. Poi è chiaro che fare punti aiuta a crescere in autostima e personalità, ma possiamo fare anche meglio. Penso sia stato importante aver colto la prima vittoria in casa; lo dicevo ai ragazzi prima del match: questo deve diventare il nostro fortino e oggi loro hanno dimostrato un grande attaccamento, non hanno mollato niente. Domenica prossima con la Sammaurese è un altro viatico importante, ci metteremo il casco e andremo a un’altra battaglia, sapendo quanto sia importante chiudere bene il girone d’andata perché poi il ritorno è sempre un altro campionato».

IL TABELLINO

Calvina-Alfonsine 3-1

CALVINA (4-3-3): Sellitto; Turlini, Chiari, Sorbo, Baronio (26′ st Broli); Delcarro, Meduri, Brunelli (19′ st Maffioletti); Crema, Recino, Bittaye (38′ st Bracaletti). (Garletti, Scuderi, Zanolla, Veneziani, Pellegrini, Gbelle). Allenatore: Michele Florindo.
ALFONSINE (4-4-2): Carroli; Ricci Maccarini, Bertoni, Succi (26′ st Tavolieri), Manara; Saporetti, Derjai (26′ st Gavoci), Magri (11′ st Ricciotti), Santucci (11′ st Venturi); Riccardo Innocenti, Casadei (5′ st Alessandrini). (Palermo, Hysa, Savelli, Federico Innocenti). Allenatore: Mattia Gori.
ARBITRI: Fabrizio Arcidiacono di Acireale; Roberto Maroni di Fermo, Justin Dervishi di San Benedetto del Tronto.
RETI: pt 36′ Crema (C); st 10′ Delcarro (C), 25′ rig. Recino (C), 28′ Tavolieri.
NOTE: ammoniti Derjai, Casadei, Delcarro (C), Succi, Bittaye (C). Spettatori: 250 circa. Recupero: 3′ e 4′.