Tag: mercato

Comunicato ufficiale: il portiere Elia Rodegari in prestito dall’Atalanta

L’A.C. Calvina Sport 1946 comunica di aver raggiunto l’accordo con l’Atalanta per il prestito di Elia Rodegari, portiere bresciano classe 2003. Il giocatore faceva parte della rosa dell’under 17 bergamasca e vanta diverse convocazioni nelle selezioni dell’under 16 e under 17 della nazionale italiana. Elia arriva alla Calvina per essere aggregato alla prima squadra guidata da Michele Florindo, ma potrà essere schierato anche tra le fila della Juniores Nazionale di mister Marco Seller. Questa operazione di mercato, secondo il direttore sportivo Eugenio Olli, «va vista come un intervento di prospettiva. Ci siamo impegnati molto per rinforzare la rosa attuale con elementi che potessero darci un aiuto concreto immediato, ma parallelamente stiamo lavorando per il futuro».

Benvenuto in biancoazzurro, Elia!

LA SCHEDA

Nome: Elia Rodegari.
Data di nascita: 22/03/2003.
Città di provenienza: Brescia.
Ruolo: portiere.
Piede preferito: mancino.
Altezza: 188 cm.
Peso: nd.
Carriera: settore giovanile Atalanta; Nazionale under 16 e under 17.

Mercato invernale: il riepilogo delle operazioni in uscita

L’intensa attività di mercato della sessione invernale conclusa per le categorie dilettanti nella giornata di ieri ha portato diversi visi nuovi fare il loro ingresso nello spogliatoio della Calvina. Nella rosa della prima squadra sono entrati sette nuovi giocatori, dallo stesso gruppo sei ne sono usciti. Tali decisioni sono state prese nell’interesse di entrambe le parti, quello dei calciatori e quello della società.

Il primo ad essere svincolato, in ordine di tempo, era stato l’attaccante Fabio Giancarlo Veneziani, tornato nella sua Latina. La dirigenza aveva poi scelto di risolvere i contratti del terzino sinistro Andrea Rizzi e del centrale Dario Scuderi. Lo scorso weekend si era infine definito il passaggio del portiere Luca Garletti (nella foto), partecipe di uno scambio con il pari ruolo Davide Ravelli, e del difensore Michele Gregorio, trasferiti entrambi al Cazzagobornato Calcio.

Il club ringrazia questi giocatori per il tempo speso in maglia Calvina, riconoscendo a tutti grande impegno e professionalità messi a servizio della squadra durante il tempo della loro permanenza. Contemporaneamente augura fortuna e soddisfazioni per il prosieguo della carriera.

Comunicato ufficiale: scambio con il Cazzagobornato, parte Garletti e arriva Ravelli

L’AC Calvina Sport 1946 comunica di aver completato con il Cazzagobornato Calcio lo scambio di portieri che porterà Luca Garletti a vestire la maglia gialloblu e Davide Ravelli a fare il percorso inverso, indossando i guantoni biancoazzurri. Dopo un anno e mezzo e 22 presenze totali, alcune delle quali fondamentali per raggiungere l’obbiettivo salvezza nella passata stagione, il classe ’99 Garletti saluta Calvisano; una scelta personale dell’atleta, dettata da motivi accademici, che la società ha accolto avviando con l’entourage del club di Eccellenza le pratiche per la sua cessione e la contemporanea acquisizione di Ravelli. A Luca va il più sincero ringraziamento per l’impegno e la professionalità profusi durante la sua esperienza calvisanese ed un grosso in bocca al lupo affinché possa centrare i traguardi sportivi e professionali che merita.

Nato a Brescia ma di origini sarde da parte del ramo materno, Ravelli è da oggi a disposizione di mister Florindo, che assieme allo staff ne valuterà sul campo le potenzialità. Il 21enne, durante l’andata sempre presente a difesa della porta del Cazzago, spiega così le motivazioni della sua scelta: «Sono tre anni e mezzo che inseguo la Serie D, non potevo farmi sfuggire questa opportunità. Il gancio è stato Fabio Patuzzi (preparatore portieri della Calvina, ndr) è stato lui a farmi la prima telefonata. Insieme abbiamo allenato un anno, ci conosciamo e ci stimiamo, scherzavamo sempre sulla possibilità di ritrovarci e alla fine è successo davvero. Con il direttore Olli ho già giocato, ai tempi della Berretti della Feralpisalò. Per tutti questi motivi non ho dubitato un secondo e ho detto di sì alla proposta della società, che ringrazio. I miei punti di forza sono la tecnica, la forza esplosiva e la capacità di lettura del gioco e delle situazioni, ma voglio migliorarmi sotto tutti gli aspetti, voglio lavorare e crescere, e qui sono nel posto giusto per farlo».

Nell’ultimo giorno di mercato la Calvina chiude con Ravelli una sessione importante, che ha visto arrivare a Calvisano ben sette nuovi giocatori. Benvenuto Davide!

LA SCHEDA

Nome: Davide Ravelli.
Data di nascita: 10/03/1998.
Città di provenienza: Brescia.
Ruolo: portiere.
Piede preferito: destro.
Altezza: 175 cm.
Peso: 64 kg.
Carriera: settore giovanile Brescia (Pulcini-Primavera) e Feralpisalò (Berretti); 2016-2018 Adrense (Eccellenza): 49 presenze; 2018-dicembre 2019 Cazzagobornato (Eccellenza): 46.

Comunicato ufficiale: Mattia Mauri ha firmato per la Calvina

La Calvina chiude il suo mercato invernale con un pezzo da 90. Si tratta di Mattia Mauri, attaccante ventisettenne ex Mapellobonate, Ciliverghe, Pro Patria e Feralpisalò. Mauri nella giornata di ieri aveva ultimato le pratiche per la risoluzione del contratto che lo legava alla squadra gardesana di Serie C, accettando la proposta avanzata dalla società del presidente Roberto Marai, messa oggi nero su bianco con l’apposizione delle firme. Dopo 6 mesi di Serie C, nei quali era riuscito a marcare il suo primo gol da professionista, Mauri ha scelto di tornare in Serie D per ritrovare quella serenità e quella fiducia che nella scorsa stagione l’avevano imposto come uno dei migliori giocatori della categoria. Grazie all’intenso lavoro dei direttori Olli e Tosoni e del fondamentale contributo del segretario Paolo Bignotti, preciso nel gestire il traffico burocratico di incartamenti ed atti ufficiali telematici, tenendo sempre vivi e ben oliati i rapporti con la Lega, la Calvina ha potuto completare una sessione di mercato di altissimo livello, portando a Calvisano sei giocatori (Boldrin, Boreggio, Valenti, Cazzamalli, Ruffini e Mauri) di conclamato spessore e mettendoli a disposizione del tecnico Michele Florindo.

Mauri – che già ieri era a Castegnato per conoscere i suoi nuovi compagni e che proprio grazie al lavoro della segreteria calvisanese sarà subito convocabile per la partita di domenica – ha messo il punto esclamativo sul mercato in entrata, chiudendo una tre giorni intensa nella quale erano già arrivate le firme di Cazzamalli e Ruffini. Il ds Olli non può che manifestare grande soddisfazione: «Con il presidente Marai, il direttore generale Tosoni e mister Florindo avevamo individuato tre profili da cercare sul mercato in questi ultimi giorni per completare la rosa e farla crescere di livello, siamo molto felici di aver preso quelli che secondo noi erano i migliori prospetti, ovvero Cazzamalli, Ruffini e Mauri. Mattia in particolare è sempre stato in cima alle mie liste dei desideri, sono entusiasta di averlo finalmente con me. A rendere tutto ciò possibile c’è stata chiaramente la forte volontà del presidente, che ha operato uno sforzo supplementare per accelerare il processo di crescita».

Abbiamo ancora negli occhi quel Mauri versione 2018-2019, quando in maglia Ciliverghe fece impazzire le difese di mezza Serie D, andando 15 volte in rete e meritandosi il salto in alto estivo tra i pro. Oggi, vestito di biancoazzurro, l’attaccante nato a Vimercate vuole tornare a brillare come allora: «Arrivo alla Calvina con grande motivazione, in questi 6 mesi di professionismo sono stato impiegato poco, nonostante sia convinto di aver dato il massimo. Ho voglia di tornare a giocare per riscattarmi e penso che questo sia il posto migliore per farlo. Il progetto è importante, così come la rosa, conosco molti dei miei nuovi compagni per averci spesso giocato contro. Tecnicamente sono una seconda punta, ho occupato quella posizione nei positivi anni di Ciliverghe e penso di avere quel tipo di caratteristiche, ma posso adattarmi ad altri ruoli. Sceglierà il mister, io sono a disposizione».

Il mercato invernale della Calvina si chiude con questo botto di fine anno. Ora starà ai ragazzi e allo staff tecnico trovare le migliori condizioni per tradurre le potenzialità della rosa in risultati. Benvenuto Mattia!

LA SCHEDA

Nome: Mattia Mauri.
Data di nascita: 14/12/1992.
Città di provenienza: Busnago (MB).
Ruolo: seconda punta, ala.
Piede preferito: destro.
Altezza: 174 cm.
Peso: nd.
Carriera: 2010-2011 Tritium (C2): 0 presenze/0 gol; 2011-2014 Mapellobonate (Serie D): 82/15; 2014-2016 Ciliverghe (Serie D): 64/17; 2016-2017 Pro Patria (Serie D): 12/4; 2017-2019 Ciliverghe (Serie D): 44/17; 2019-dicembre 2019 Feralpisalò (Serie C): 4/1.

Comunicato ufficiale: Marco Ruffini è della Calvina

L’AC Calvina Sport 1946 comunica l’acquisizione a titolo definitivo del cartellino del giocatore Marco Ruffini. Il calciatore classe ’87 arriva a Calvisano dopo aver iniziato la stagione in corso con la maglia del Franciacorta FC, squadra che condivide con la Calvina il girone D di Serie D: per lui 11 presenze – di cui 9 da titolare – e 1 gol nelle prime 15 giornate di campionato, striscia interrotta solo da un infortunio al collaterale del ginocchio, occorso proprio nel derby contro la Calvina da uno scontro di gioco con Recino. Difensore centrale di qualità, personalità ed esperienza, Ruffini vanta un importante passato tra i professionisti. Il 32enne va ad aggiungersi ad un reparto già strutturato, con l’intento di migliorarlo e completarlo.

Dopo Boldrin, Boreggio, Valenti e Cazzamalli, tutti già impiegati in campionato da mister Florindo, il direttore sportivo Eugenio Olli piazza così il quinto colpo della campagna acquisti invernale, immettendo nuova benzina nel motore biancoazzurro. Accomodata con la pesante vittoria di Sasso Marconi una classifica che era sempre stata deficitaria, la Calvina punta ora a chiudere con un risultato positivo il girone d’andata domenica, ospitando il Forlì, sapendo di poter contare su nuove frecce al proprio arco.

È un Ruffini carico, motivanto e contento del trasferimento quello che si presenta a Calvisano: «Sono felice di questa scelta – conferma l’ex Rezzato – perché mi hanno voluto fortemente e conosco la stima che il mister nutre nei miei confronti. Pur avendo giocato spesso terzino quest’anno, mi sento a tutti gli effetti un difensore centrale ed è in quella posizione che penso di dare il meglio di me. Sono ancora fermo per l’infortunio al ginocchio, ma conto di essere a disposizione per la prima di ritorno. Domenica sarò a Desenzano a seguire il match con il Forlì: avendolo già affrontato alla prima di campionato so che non sarà una gara semplice; loro sono organizzati, hanno una chiara idea di gioco e non mollano mai: in quella partita ci rimontarono di due reti negli ultimi 10 minuti».

Molto soddisfatto del nuovo innesto, mister Florindo difende la solidità del suo gruppo:«I cinque nuovi acquisti non intaccheranno l’equilibrio interno. Stiamo ottenendo dei buoni risultati perché i ragazzi hanno la cultura del lavoro e la squadra è matura ed intelligente; certo, ora la concorrenza si è alzata, bisognerà mettersi in gioco con ancora più determinazione per ritagliarsi un posto in campo, ma nessuno parte già titolare o già escluso. Il calcio è così ed è giusto che sia così per chi vuole ambire a qualcosa di importante. L’arrivo di Ruffini è un altro tassello che ci permette di completare la rosa ed allungare la panchina, dandomi così nuove opportunità di incidere anche a partita in corso. Poi, come detto, la qualità serve per alzare il livello degli allenamenti della settimana. In questo senso giocatori esperti e con il curriculum di Ruffini e Cazzamalli sono fondamentali, portano una mentalità vincente che trasmetteranno a tutti, me compreso. Inoltre sono giocatori che sanno perfettamente come gestire i diversi momenti della partita».

In attesa del suo pieno recupero, facciamo un grande in bocca al lupo a Ruffini per questo suo nuovo inizio. Benvenuto alla Calvina, Marco!

LA SCHEDA

Nome: Marco Ruffini.
Data di nascita: 23/03/1987.
Città di provenienza: Carpenedolo.
Ruolo: difensore centrale.
Piede preferito: destro.
Altezza: 188 cm.
Peso: nd.
Carriera: 2006-2007 Cremonese (C1): 0 presenze/0 gol; 2007-2010 Carpenedolo (C2): 76/1; 2010-2014 Castiglione (Serie D-C2): 124/11; 2014-2016 Piacenza (Serie D): 59/9; 2016-2017 Monza (Serie D): 29/1; 2017-2019 Sdl Rezzato (Serie D): 64/6; 2019-dicembre 2019 Franciacorta (Serie D): 11/1.

Comunicato ufficiale: Alessandro Cazzamalli si veste di biancoazzurro

L’AC Calvina Sport 1946 comunica il tesseramento del centrocampista classe 1979 Alessandro Cazzamalli. Il giocatore è stato prelevato dal Sant’Angelo Lodigiano, squadra che milita nel girone B di Eccellenza. Durante la lunga e importante carriera, Cazzamalli ha vestito più volte la maglia del Pergo, del Piacenza, ed è stato punto di riferimento di diverse formazioni bresciane, dall’Eccellenza alla C1, dalla Feralpisalò 2003 al Rezzato 2018. Con questo colpo la Calvina si assicura qualità ed esperienza da mettere al centro del proprio gioco, nonché la personalità ed il carisma di un giocatore abituato a competere ai massimi livelli, come testimoniano le diverse promozioni ottenute in oltre vent’anni di calcio giocato. Mister Michele Florindo lo avrà a disposizione già dalla gara di domani, per la quale è stato convocato. Benvenuto Alessandro!

LA SCHEDA

Nome: Alessandro Cazzamalli.
Data di nascita: 30/05/1979.
Città di provenienza: Crema (CR).
Ruolo: centrocampista centrale.
Piede preferito: destro.
Altezza: 189 cm.
Peso: 81 kg.
Carriera: 1997-1998 Pergocrema (C2): 1 presenza/0 gol; 1998-1999 Caravaggio (Eccellenza): 28/1; 1999-2001 Calcense (Lega Pro): 58/11; 2001-2003 Pergocrema (Eccellenza-Serie D): 57/2; 2003-2005 Feralpisalò (Eccellenza-Serie D): 61/10; 2005-2006 Palazzolo (Serie D): 30/10; 2006-2008 Carpenedolo (C2): 59/3; 2008-dicembre 2009 SPAL (C1): 45/3; dicembre 2009-2010 San Marino (C2): 11/1; 2010-2011 Rodengo Saiano (C2): 29/6; 2011-dicembre 2011 Savona (C2): 16/2; dicembre 2011-2012 Pergocrema 11/0; 2012-2014 Pro Piacenza (Serie D): 57/12; 2014-2015 Castiglione (Serie D): 27/5; 2015-2017 Piacenza (Serie D-Serie C): 65/10; 2017-2018 Sdl Rezzato (Serie D): 33/10; 2018-2019 Pergolettese (Serie D): 30/4; 2019-dicembre 2019 Sant’Angelo Lodigiano (Eccellenza): 12/2.

Comunicato ufficiale: Boreggio e Valenti nuovi arrivi in casa Calvina

L’AC Calvina Sport SSD a RL comunica ufficialmente il tesseramento dei giocatori Alberto Boreggio e Diego Valenti. Il centrocampista di qualità Alberto Boreggio è stato prelevato dall’Adriese; mezzala di vent’anni, prodotto del settore giovanile della SPAL, il rovighese ripercorre la stessa strada di Matteo Boldrin (firmato ieri) e così come il ritrovato compagno di squadra torna a disposizione di mister Michele, alcuni mesi dopo che le rispettive strade si erano divise, ad Adria. Diego Valenti, attaccante completo classe ’96, arriva invece dalla squadra toscana del Tuttocuoio, iscritta anch’essa, come Adriese e Calvina, al campionato interregionale di Serie D. Per lui già 2 reti marcate da inizio anno, nelle 9 presenze accumulate tra le fila della società pisana. Il calciatore nativo di Bruino va ad accrescere il peso della prima linea offensiva biancoazzurra, affiancandosi al punto di riferimento Giorgio Recino.

In attesa di vederli debuttare in maglia Calvina, i due nuovi acquisti hanno espresso così il loro entusiasmo per la nuova avventura intrapresa: «Sono un centrocampista – specifica Boreggio , gioco solitamente mezzala o anche esterno alto, preferibilmente a destra. Penso di avere buone qualità nell’uno contro uno. Ero anch’io ad Adria con Florindo e Boldrin l’anno scorso. Con la nuova stagione non ho trovato spazio, la chiamata del mister mi ha fatto molto piacere e sono felice di essere qua. Adesso devo dimostrare, come in passato, di meritarmi il posto».

Esce dai confini geografici di comfort anche Valenti: «Al Tuttocuoio stavo attraversando una situazione particolare, pur giocando tutte le partite non stavo vivendo nel migliore dei modi la stagione appena iniziata, da qui la mia decisione di cambiare squadra. Tra le richieste mi ha colpito quella della Calvina, il mister mi ha trasmesso fiducia e mi ha garantito che questo club ha grande ambizione. Non conosco la zona e il girone, ma dopo aver parlato con allenatore e direttore non ci ho pensato due volte e ho fatto le valigie. Nella mia carriera ho occupato diverse posizioni davanti, facendo sia il riferimento centrale che giocando assieme a un’altra punta. Il mio punto forte è il colpo di testa. Spero di dare una grossa mano alla squadra».

Michele Florindo, capo allenatore della prima squadra, dà il suo punto di vista su questi tre innesti arrivati a Calvisano nel giro di 24 ore: «Quando ci siamo seduti a parlare di come ampliare e migliorare questo organico, io e la società abbiamo parlato di ruoli specifici, poi è normale che possa aver dato delle idee, come per i due ragazzi che avevano già lavorato con me. Il diesse mi ha dato il suo parere favorevole, c’è stata la possibilità e abbiamo affondato il colpo. Nel mercato di dicembre è difficile trovare situazioni ideali, anche se nel caso di Valenti so che la Calvina lo stava seguendo da un po’».

«Stiamo sistemando la rosa reparto per reparto – approfondisce il ds Eugenio Olli, avevamo l’esigenza di completare gli effettivi in quelle posizioni: terzino sinistro, centrocampista con caratteristiche offensive e prima punta. Quest’ultimo ruolo è sempre stato coperto dal solo Recino, che fortunatamente non ha mai avuto problemi, ma era necessario avere alternative. Sono tre giocatori giovani che hanno già un’esperienza importante in questa categoria, possono aggiungere qualcosa al peso specifico della rosa».

La chiosa è del presidente Roberto Marai, che allarga la visuale al progetto Calvina nel suo insieme: «Non pensavo di dover intervenire così presto, ma la situazione mi ha chiamato a farlo, perché la base di partenza per il nostro futuro è il mantenimento della categoria, e dopo quest’inizio di stagione non eravamo tranquilli. Abbiamo ultimato tre acquisti, ne arriveranno probabilmente altri due prima della fine della sessione. L’obiettivo non è solo rinforzare la rosa per raggiungere più velocemente e con meno affanno l’obbiettivo minimo della salvezza, ma anche gettare le basi per il prossimo futuro. L’anno prossimo dovremo ricominciare il campionato con più certezze, da un livello più alto, per partire subito forte».

La Calvina dà il suo benvenuto ad Alberto e Diego, augurandoci di vivere momenti indimenticabili insieme.

LE SCHEDE

Nome: Alberto Boreggio.
Data di nascita: 20/01/1999.
Città di provenienza: Rovigo.
Ruolo: centrocampista centrale, esterno destro.
Piede preferito: destro.
Altezza: nd.
Peso: nd.
Carriera: 2016-2017 SPAL (Primavera): 4 presenze (1 titolare); 2017-2018 Abano Calcio (Serie D): 28 presenze (19), 1 gol; 2018-2019 Adriese (Serie D): 24 presenze (20), 1 gol; 2019 -dicembre 2019 Adriese (Serie D): 3 presenze (1).

Nome: Diego Valenti.
Data di nascita: 28/02/1996.
Città di provenienza: Bruino (TO).
Ruolo: punta centrale, seconda punta.
Piede preferito: destro.
Altezza: 182 cm.
Peso: 78 kg.
Carriera: 2013-2014 Chieri (Serie D): 2 presenze, 1 gol; 2014-2015 Chieri (Serie D): 36 presenze, 10 gol; 2015-dicembre 2015 Chieri (Serie D): 9 presenze (3 titolare); dicembre 2015-2016 Ligorna (Serie D): 18 presenze (17), 7 gol; 2016-2017 Ligorna (Serie D): 30 presenze (26), 10 gol; 2017-2018 Ligorna (Serie D): 31 presenze (25), 7 gol; 2018-2019 Ligorna (Serie D): 30 presenze (29), 10 gol; 2019-dicembre 2019 Tuttocuoio (Serie D): 9 presenze, 2 gol.

Da sinistra a destra nella foto copertina: Boreggio, Valenti, il presidente Marai, Boldrin.

Comunicato ufficiale: preso dall’Adriese il terzino sinistro Matteo Boldrin

La società AC Calvina Sport SSD a RL comunica di aver acquisito le prestazioni sportive di Matteo Boldrin. Esterno basso di sinistra, classe 2000, il giovane calciatore trevigiano arriva dopo l’anno e mezzo passato all’Adriese, in Serie D. Alla Calvina ritrova quindi Michele Florindo, con il quale nella passata stagione aveva condiviso la cavalcata che aveva portato il club di Adria alla finale play off.
A margine dell’allenamento odierno svolto a Castegnato dalla prima squadra, Matteo Boldrin si è presentato così ai suoi nuovi tifosi: «Sono qui per aiutare la squadra, conoscevo già il mister dall’esperienza dell’anno scorso, mi ha voluto fortemente e sono contento di aver ricevuto questa proposta. Mi ha stupito l’accoglienza, sia da parte della società che dei miei nuovi compagni. Sono un terzino mancino, mi piace spingere ma anche in fase difensiva sto crescendo molto. Vengo da cinque mesi di lavoro ad Adria, sto bene e sono pronto per dare il mio contributo alla Calvina».

Soddisfatto mister Michele Florindo: «Io e il direttore Olli ci siamo trovati d’accordo su questo profilo, è vero che avendo già lavorato con me sono stato io ad avanzarne il nome, ma Eugenio lo conosceva e aveva sue relazioni, perciò abbiamo colto l’opportunità. Per noi è normale parlare e confrontarci, prendendo decisioni di concerto. Abbiamo esigenza di completare la rosa in ruoli specifici, cercando di cogliere le occasioni che il mercato invernale propone. Matteo è un tassello utile che ci può aiutare a salvare il prima possibile la squadra». Gli fa eco lo stesso direttore sportivo Eugenio Olli: «La finestra di mercato ci deve dare l’opportunità di ottimizzare la rosa, renderla più profonda, e Matteo si inserisce in queste dinamiche».

Boldrin non sarà l’unico acquisto di questa sessione di mercato, nei prossimi giorni potrebbero arrivare nuovi profili alla corte di mister Florindo. Uno sforzo che la società calvisanese è convinta di dover fare per giungere il più velocemente possibile al risultato minimo, quello del mantenimento della categoria. È lo stesso presidente Roberto Marai ad ampliare ed approfondire il discorso: «L’inizio della stagione ci aveva preoccupato parecchio, penso che abbiamo pagato le difficoltà che naturalmente si devono affrontare quando si apportano grandi cambiamenti alla rosa e alla struttura societaria. I risultati ottenuti nella gestione Florindo ci hanno tranquilizzati, ma non siamo ancora dove vogliamo essere. Servono forze fresche e sicuramente torneremo ad inserirci nel mercato per rinforzare ulteriormente il gruppo».

La società dà il suo benvenuto a Matteo e gli augura di raggiungere insieme ai suoi nuovi compagni tutti gli obiettivi personali e di squadra prefissati.

LA SCHEDA

Nome: Matteo Boldrin.
Data di nascita: 22/08/2000.
Città di provenienza: Treviso.
Ruolo: difensore esterno sinistro.
Piede preferito: mancino.
Altezza: 179 cm.
Peso: 74 kg.
Carriera: 2018-2019 Adriese (Serie D): 24 presenze (20 titolare), 2019-dicembre 2019 Adriese (D): 1 presenza (0).

Il punto sul mercato: sei nuovi volti per mister Serafini

Linea verde e qualità, la campagna di rafforzamento dell’AC Calvina Sport ha questi indirizzi. Mossa la prima pedina di peso, con l’acquisto dell’esperto attaccante milanese Giorgio Recino, il diesse Eugenio Olli ha chiuso in settimana altre sei importanti acquisizioni, regalando a mister Matteo Serafini altrettanti profili giovani e di importanti potenzialità.

Dopo le esperienze con l’Avezzano e la Vastese, Lamin Bittaye è pronto ad affrontare la sua nuova avventura in Serie D, indossando i colori della Calvina. Olli l’ha già definito “il nostro Juan Cuadrado”: l’esterno nato in Gambia nel 1995 porta qualità e velocità al reparto offensivo di Serafini. Fosforo e proprietà tecnica sono invece le caratteristiche peculiari di Fabio Meduri, metronomo del 1991 reduce da una stagione vissuta diviso tra Como e Pontisola. Per il centrocampista reggino parlano le oltre 120 presenze in C, oltre alle prestigiose piazze calcate nel corso della carriera: sul suo curriculum, tra le altre, Monza, Foggia, Cosenza, Lumezzane e Triestina.

Linea verde, con una nota di azzurro. Il passato del nuovo direttore sportivo della Calvina e gli ottimi rapporti preesistenti tra la società e la Feralpisalò hanno permesso ad Olli di assicurarsi le prestazioni sportive di due elementi cresciuti nel settore giovanile dei Leoni del Garda. Si vestono di biancoazzurro sia Alessandro Turlini, esterno a tutta fascia classe 2000, sia Andrea Crema, centrocampista del ’99, entrambi reduci dall’esperienza in D al Caravaggio.

Dal Ciserano – ex squadra sia di Serafini che del suo nuovo vice Alessandro Cortinovis – è arrivato un altro 2000, l’esterno d’attacco Luca Maffioletti. Il più giovane del quartetto è infine Alessandro Zanolla. Qui Olli ha pescato in uno dei migliori settori giovanili d’Italia, quello dell’Udinese. Già capitano della selezione under 16 bianconera, l’esterno basso di piede destro Zanolla (nella foto di copertina) arriva a Calvisano al momento giusto della sua giovane carriera, con una grande voglia di mettersi in luce in una categoria di spessore tecnico molto vicina a quelle professionistiche.

In attesa delle visite mediche di domani, fissate alle 14 al Panathleticon di Brescia, e dell’inizio ufficiale della stagione, che avverrà col raduno di martedì a Calvisano (dalle 18), l’AC Calvina Sport comunica l’inserimento di tre 2002 aggregati alla prima squadra: si tratta di Robert Vavapini, promosso dal settore giovanile biancoazzurro; di Filippo Ferrari, portiere proveniente dal Real Leno; e di Alessio Del Monaco, prelevato dall’academy della Cremonese.

Primo colpo di mercato: preso “Re” Giorgio Recino

Al secondo giorno di apertura ufficiale del mercato estivo 2019, la Calvina piazza il suo primo colpo di mercato: Giorgio Recino. Classe 1986, attaccante milanese in forza nelle ultime due stagioni al Pontisola, il “Re” è la prima pedina scelta dal diesse Eugenio Olli per rinforzare la rosa di mister Matteo Serafini.

Esperienza, qualità, gol. Una carriera vissuta principalmente in Serie D, iniziata proprio da un settore giovanile bresciano, quello del Brescia Calcio, vissuto dai 13 ai 19 anni. Nel 2005 la prima esperienza in prima squadra, nel San Donato, in Eccellenza. Successivamente, a soli 20 anni, Giorgio fa una scelta di vita: apre un bar nella sua Cologno Monzese, mettendo in stand by la carriera calcistica e scendendo in Prima Categoria, diventando la stella della squadra locale. La voglia di giocarsi tutte le sue carte anche sul rettangolo verde torna prepotente e nelle stagioni successive comincia una lenta ma progressiva scalata. Prima Carugate, poi Brembatese, infine Giana Erminio, sempre in Promozione. A Gorgonzola la svolta: in tre anni vince tre campionati con la Giana, trovandosi catapultato in Lega Pro. Coi biancoazzurri (colori evidentemente nel destino della punta meneghina) colleziona 24 presenze e 3 gol in C. A 29 anni accetta la proposta del Mapellobonate in D, quindi si sposta a Lecco all’Olginatese per poi tornare a Bergamo vestendo la maglia del Pontisola, rimanendo sempre alle porte del professionismo. Al Pontisola rimane un biennio, nel quale trova con continuità la via del gol: contribuisce con 22 reti al sorprendente terzo posto del 2017-2018, ne marca 14 (più 1 in Coppa) nel successivo campionato. A Calvisano è pronto a far ripartire il conteggio.

Giorgio Recino è il primo acquisto ufficiale della coppia Eugenio Olli-Roberto Marai. Ds e presidente spiegano i motivi della scelta: «Lo seguivamo da tempo, lo conosciamo bene, è il nostro biglietto da visita. Puntiamo forte su di lui, può diventare subito il punto fermo del nostro progetto. Come per i prossimi innesti, valutiamo prima di tutto la persona, e negli incontri avuti con Giorgio ci ha fatto una grande impressione proprio dal punto di vista umano. Poi chiaramente c’è anche il calciatore, e lui è forte».

A distanza di 14 anni Recino torna a calpestare suolo bresciano, almeno da tesserato di una società locale. Il dg Stefano Tosoni ricorda infatti un aneddoto curioso, occorso in un’occasione in cui la punta si trovava a Calvisano da avversario: «Eravamo in Promozione, lui era al primo anno di Giana, quando vinse il campionato. Non posso dimenticare il gol che ci fece su punizione, da 30 metri… ce l’ho ancora davanti agli occhi».

Da agosto in poi il “Re” – soprannome nato ai tempi della Brembatese per il nome da reale e per la radice del cognome – potrà cominciare a segnare nella porta giusta, con la maglia giusta. Per adesso possiamo solo raccogliere le sue prime parole da giocatore biancoazzurro: «Avevo già avuto ottime referenze su questa società, ma volevo parlarci di persona. La prima impressione è stata ottima, sono stato colpito dalla serietà dei dirigenti e dal progetto che hanno in mente. Avevo altre offerte, tutte molto più vicine a casa, ma non ho avuto dubbi nello scegliere la Calvina. Posso dare molto alla squadra, soprattutto alla mia età. Le mie caratteristiche peculiari sono la velocità e la forza fisica. Sono ansioso di iniziare a lavorare con la squadra e con mister Serafini: posso imparare tantissimo da un ex attaccante del suo calibro, ci siamo già sentiti, abbiamo già parlato di alcune idee di gioco. L’ho incontrato alcune volte da avversario, mi sarebbe piaciuto dividere con lui l’attacco e secondo me con la sua qualità avrebbe potuto continuare a giocare ancora, ma ora sono felice che sia il mio allenatore. Spero mi aiuti a migliorare, perché io voglio migliorare, anche a 33 anni. Se non la pensassi così avrei smesso da tempo. Non vedo l’ora di iniziare questa mia nuova avventura e di far esultare i miei nuovi tifosi, quelli della Calvina!».